HomePage Italiano  English Cerca
Facebook
Automazione a tutto software
Articolo tratto da "Automazione e Strumentazione" - numero 4 - Aprile 2002

Immagine 1
Copertina dedicata ad Automa

Una dinamica società bergamasca si è specializzata nella produzione di software per l'automazione industriale mettendo a punto procedure e strumenti di sviluppo che facilitano l'attività di programmazione. Tre i pacchetti di punta: MainteX, per la manutenzione moderna; Super-Flash, una piattaforma software per generare applicazioni Hmi e Scada; Dolphin, per facilitare la connessione tra i sistemi d'interfaccia uomo macchina e le applicazioni Eps - Enterprise Production Systems.

A cura di Roberto Frazzoli

L'Italia occupa un posto di rilievo nel panorama mondiale dell'automazione industriale. L'esistenza di società italiane specializzate nella realizzazione di software per queste applicazioni è quindi un fatto positivo.
Una di queste aziende è Automa di Pedrengo (Bergamo), che realizza una vasta gamma di programmi. In questo articolo verranno esaminati brevemente tre di essi.L'Italia occupa un posto di rilievo nel panorama mondiale dell'automazione industriale. L'esistenza di società italiane specializzate nella realizzazione di software per queste applicazioni è quindi un fatto positivo. Una di queste aziende è Automa di Pedrengo (Bergamo), che realizza una vasta gamma di programmi. In questo articolo verranno esaminati brevemente tre di essi.

MainteX: gestione dell'attività di manutenzione
MainteX è il prodotto Automa pensato per la manutenzione moderna, una funzione aziendale che nel corso degli anni ha subito una notevole evoluzione. Oggi questa attività non riguarda più solo il settore industriale ma si estende anche alle aziende di servizio, alle opere civili, al territorio. Inoltre l'obiettivo di un moderno sistema di manutenzione non è più solo la correzione dei guasti e dei malfunzionamenti al loro insorgere, ma anche la prevenzione.
Lo scopo: assicurare la continua disponibilità degli impianti e ridurre notevolmente i costi.
Tutto questo ha portato la manutenzione a svilupparsi come funzione autonoma e ad assumere un ruolo sempre più importante all'interno delle imprese, poiché un buon sistema di manutenzione ha effetti su tempi di lavorazione, qualità e quantità del prodotto, costi e consumi di materie prime, energie, mezzi e risorse. Ne consegue che la manutenzione necessita di efficienza non solo tecnica, ma gestionale e organizzativa.
Così come il manutentore diventa un operatore qualificato che, con il suo intuito, la sua competenza e conoscenza, è in grado di individuare e valutare i tempi e i modi degli interventi, altrettanto specifico deve essere un sistema di manutenzione in grado di programmare e quantificare l'attività manutentiva all'interno dell'azienda.
I vantaggi di una manutenzione programmata sono evidenti e comprendono:
  • riduzione dei fermi macchina
  • riduzione dei costi di manutenzione
  • migliore organizzazione del lavoro
  • monitoraggio di tutte le apparecchiature
  • ottimizzazione delle scorte di magazzino
  • migliore controllo economico
  • garanzia per la sicurezza del personale
  • conservazione dello storico delle attività di manutenzione per ridurre nel futuro gli eventuali "sforamenti di budget" avvenuti nel passato

Il sistema di gestione della manutenzione deve aiutare l'azienda a raggiungere gli obiettivi sopra elencati rappresentando uno strumento di facile e immediata applicazione.
In questo ambito si inserisce MainteX, sistema che gestisce la manutenzione programmata, straordinaria e correttiva tramite una facile interfaccia utente.
Le principali funzionalità del programma sono le seguenti:
  1. gestione della manutenzione attraverso un'anagrafica degli interventi pianificati(planning)
  2. gestione di un piano teorico di manutenzione (scheduling)
  3. gestione degli interventi effettuati (historical)
  4. gestione dei costi a preventivo, a consuntivo, e relativi confronti (budgeting)

Le funzioni da MainteX
La funzione di pianificazione della manutenzione consente la programmazione delle attività di manutenzione con libera definizione degli elementi di base quali: documento delle procedure d'intervento; rappresentazione grafica della parte dell'impianto interessata dall'intervento di manutenzione; stesura del- le procedure base da seguire; definizione degli operatori e dei materiali per intervento; notifica dello stato di preallarme e allarme tramite e-mail; visualizzazione grafica dei criteri di manutenzione impostati da scheda.
I tipi di eventi scatenanti la manutenzione sono:
  • On-Time (calendario solare)
  • On-Limit (allarme di superamento soglia)
  • On- Count (valori attuali delle variabili di campo)
  • On- Spot (intervento straordinario)

È possibile impostare più eventi contemporaneamente e l'eventuale reset della programmazione dei livelli inferiori nell'albero degli elementi. funzione di scheduling permette la visualizzazione tabellare dell'intero piano teorico manutenzione (con periodo e numero di ricorrenze impostabili da file di configurazione), ottenuta analizzando le impostazioni pianificazione e facilmente intuibile dalla rappresentazione grafica dello stato di intervento. Le informazioni fornite sono relative alle schede, agli operatori ai materiali richiesti.
Su tacitazione dell'evento selezionato si avvia in automatico la procedura di creazione dell'intervento che raggruppa le impostazioni date, gli operatori e i materiali ad esso collegato. Nella pagina è attiva la funzione di stampa del singolo intervento o di tutto piano di manutenzione. La funzione historical si rivolge all'archiviazione delle informazioni riguardanti gli interventi effettuati, e particolare: data e ora dell'effettuazione, durata dell'eventuale fermo impianto, materiali utilizzati (tipo e quantità), operatori impiegati (nome e ore di lavoro).
È possibile richiamare le informazioni memorizzate in un qualsiasi momento successivo alla loro archiviazione, con possibilità di modifica e di aggiornamento. Se l'intervento eseguito non era stato precedentemente pianificato è possibile, scegliendo da una lista precedentemente configurata, inserire i seguenti dati: il problema che ha reso necessario l'intervento; la causa che lo ha provocato; l'operazione effettuata per risolvere l'imprevisto. Questa possibilità permette un'analisi più approfondita sugli interventi straordinari, onde far sì che, se ripetuto più volte, l'intervento rientri nel il piano di manutenzione programmata. La funzione di budgeting cosente la consuntivazione dell'attività di manutenzione su base tempo configurabile, con la possibilità di verificare il costo previsto per ogni intervento eseguito; costi derivati dall'effettivo svolgersi dell'intervento; gli scostamenti tra preventivo e consuntivo; i costi di eventuali interventi straordinari, separati per un miglior confronto tra il previsto e l'eseguito.
È inoltre attiva - sia per gli interventi programmati, sia consuntivati - una funzione di dettaglio dei costi, suddivisa per costo fermo produzione, costo operatori e costo materiali. MainteX offre inoltre altre funzioni: gestione accessi con semplificazione dell'interfaccia per gli utenti base, funzione di filtro delle informazioni, gestione comunicazione con il campo attraverso Dolphin (vedi oltre), gestione delle variabili non gestite da Dolphin, funzione di ordinamento, funzione di schedulazione: lettura di tutte le schede programmate e stesura di un nuovo piano di manutenzione, gestione dei costi di manutenzione sia degli interventi programmati, sia degli interventi eseguiti, funzione di stampa per le schede pianificate, help in linea contestuale.
Gli utenti abilitati hanno la possibilità di accedere ai due menù di impostazione e configurazione da cui è possibile personalizzare MainteX per le proprie esigenze.

Impostazioni, configurazioni, interfaccia utente
MainteX consente di impostare numerose variabili: configurazione delle unità di misura; gestione delle valute e relative conversioni; gestione dei costi orari per le categorie di operatori e per il costo di fermo macchina (mancata produzione); anagrafica delle attività di manutenzione; anagrafica delle variabili di campo scambiate con Dolphin attraverso i vari protocolli disponibili.
Le configurazioni possibili comprendono diverse anagrafiche: risorse impiantistiche a livelli infiniti; categorie di operatori; operatori (singoli o per gruppi); materiali. Esistono poi elenchi dei possibili problemi per gli interventi straordinari; delle possibili cause per gli interventi straordinari; dei possibili rimedi per gli interventi straordinari.
MainteX è dotato di un'interfaccia utente basata su un sistema di navigazione facilitato dall'utilizzo di icone. Inoltre tutti gli elementi configurati vengono rappresentati nell'albero e per ogni elemento ci sono tre categorie: schede programmate, schede pianificate, interventi effettuati.
È prevista la rappresentazione animata degli stati, come pure la registrazione delle operazioni: tutte le operazioni vengono registrate in un file formato testo (logger) che rimane disponibili su disco. Sono presenti anche le funzioni di filtro e raggruppamento delle informazioni.

Super-Flash: generazione di applicazioni HMI e SCADA
Super-Flash è una piattaforma software che genera applicazioni Hmi e Scada per gli ambienti operativi Windows e Ms-Dos. Realizzato a 32 bit, è facilmente collegabile con Plc, schede di acquisizione, controlli numerici, terminalini, strumentazioni, ecc.
Il software gestisce seriali, reti e protocolli evoluti come Ethernet, NetBios, Tcp/Ip, H1, Profibus, L2, Sysmac-Link, DH+ ecc. Tramite Super-Flash il programmatore può realizzare postazioni di lavoro chiare e intuitive, che consentono all'operatore di eseguire i vari comandi in modo semplificato, visualizzando ogni informazione ricavata (stato generale dell'impianto, eventi, situazioni di allarme, parametrizzazioni, manuale operativo in linea) in modo elementare, facilitando così tutte le procedure richieste.
Il Project Manager compreso in Super-Flash permette di mantenere e gestire, sullo stesso Pc, più versioni del sistema di sviluppo.
Il pannello grafico consente di avere in ogni momento un quadro sinottico di tutte le applicazioni presenti sul proprio Pc. Con Project Manager il programmatore non deve più occuparsi della dislocazione sul disco delle applicazioni sviluppate e non ha più la necessità di ricordare le procedure specifiche di attivazione dei singoli applicativi in funzione della versione con cui sono stati sviluppati. L'editor grafico di Super-Flash ha in linea il Data-Base e l'animazione: consente quindi un notevole risparmio di tempo nella fase di debug delle pagine realizzate.
La presenza di oggetti specializzati di alto livello (variabili del database, oggetti con effetto di rilievo-profondo, pulsanti animati, trend, bar-graph ecc.) semplifica la predisposizione delle pagine di interfaccia grafica. La possibilità di gestire dal Plc i passaggi tra le pagine di un applicativo, quindi anche quelle degli allarmi, consente di utilizzare Super-Flash anche in applicativi dove una tastiera tradizionale sarebbe solo una complicazione.
Il programma permette di avere allarmi con descrizione dinamica e di fornire, per ogni allarme gestito, un manuale operativo ipertestuale composto da testi e da immagini grafiche. Da una pagina di lavoro è possibile definire interamente il Data-Base. Alcuni accorgimenti tecnici mirati rendono semplice la definizione delle variabili coinvolte nel processo di supervisione. La ricchezza di tipi di variabili specializzate (di sistema, data, ora, ecc.) semplifica alcune operazioni molto articolate di programmazione delle attività automatiche del supervisore.
La gestione programmi di Super-Flash consente al programmatore di associare liberamente agli eventi (tasti, variabili, timer) una serie di istruzioni da eseguire. Le istruzioni permettono la visualizzazione di pagine, l'attivazione di stampe, la manipolazione diretta dei valori di variabili, la richiesta di input dei dati all'operatore, la visualizzazione, stampa, cancellazione, copia e rinomina di file su disco, la spedizione di dati verso il Plc o in generale verso le periferiche. Super-Flash comprende un meccanismo di generazione di report completamente personalizzati e arricchibili con variabili real-time e grafici bit-mapped.
Vengono supportate fino a tre porte parallele contemporanee, più le linee seriali, più file. Lo spooler di stampa integrato gestisce fino a nove code di stampa, ciascuna destinabile ad una stampante diversa.
Il programma consente inoltre di registrare su disco i valori delle variabili utilizzate per regolare l'impianto in funzione del prodotto (ricette). Attribuendo un nome a questi dati su disco, sarà possibile in seguito reperirli facilmente e spedirli alle periferiche di destinazione.
Le operazioni di scrittura su disco delle regolazioni e spedizione verso le periferiche possono essere stimolate direttamente dal Plc. Ciò consente, ad esempio, di registrare la situazione attuale, come ricetta, direttamente da un ingresso del Plc.
Oppure è possibile fornire al Plc un intero piano di produzione fatto di nomi di ricette. Il programma, infine, consente l'analisi dei trend delle variabili analogiche, è dotato di una gamma completa di driver di comunicazione e può gestire fino a undici diversi dizionari.

Dolphin: connessioni tra HMI/SCADA e EPS
Dolphin di Automa è un prodotto che facilita la connessione tra i sistemi d'interfaccia uomo macchina (Hmi, Scada) e le applicazioni database oriented tipiche dell' ambito Eps (Enterprise Production Systems).
Il prodotto ha l'obiettivo di favorire tutti coloro che sono interessati allo sviluppo di applicazioni database oriented, di raccolta dati, di gestione della produzione, tracciabilità e rintracciabilità completa dei lotti di produzione, gestione commesse, gestione della manutenzione. Il vantaggio importante fornito da Dolphin è quello di garantire una comunicazione sicura e un facile accesso alle tipiche risorse real-time e storiche provenienti dall'impianto.
La comunicazione potrà essere attivata sia direttamente, attraverso un driver di comunicazione, sia passando tramite il livello delle applicazioni Scada e Hmi.
I produttori di pacchetti software del livello Eps (sistemi di gestione della produzione) possono essere interessati ad un rapporto di Oem: Dolphin sarà fornito ad un prezzo particolarmente favorevole per chi intende veicolarlo con le proprie applicazioni. Il programma può comunicare con reti Super-Flash, Opc Server, con gli Scada più diffusi e con driver MicroC.
Le sue funzioni principali comprendono trasferimento di dati, conversione, elaborazione, gestione di nodi Hmi. Il repertorio di interfacce include tavole di database, Dll, Active/X, Vba, Dde e MicroC.
Il motore eventi/azioni comprende MicroC, ambiente dedicato, Visual B/C, calendario/ agenda, funzioni ripetitive, stato/valore, condizione, espressione.

Una software house innovativa
Fin dalla sua fondazione la software house Automa si è impegnata per produrre software dotato di alcune caratteristiche fondamentali: strutturazione, leggibilità, riutilizzabilità, affidabilità, facilità di manutenzione.
Particolarmente attenta alle innovazioni tecnologiche e fortemente motivata a sperimentare le proprie soluzioni, Automa ha investito molte delle proprie risorse con l'intento di mettere a punto procedure e strumenti di sviluppo che facilitassero il lavoro di programmazione.
Grazie a questi strumenti e a un organico di persone creative, vivaci ed esperte, Automa è riuscita a conquistarsi una posizione di prestigio nell'ambito delle società che realizzano software per l'automazione industriale. Una caratteristica molto importante dell'attività di Automa è quella di aver collegato tra loro un numero notevole di dispositivi dedicati al controllo di processo.
Da qui deriva un patrimonio particolarmente ricco di esperienze legate alle problematiche di comunicazione tra computer e la realtà circostante. Inoltre, la capacità di "far parlare" tra loro periferiche eterogenee senza rinunciare all'uso di interfacce a basso costo, rende Automa particolarmente competitiva nella fornitura di software per il controllo di intere attività produttive.
L'ampia offerta di prodotti e la grande varietà delle applicazioni dimostrano l'impegno posto da Automa nella produzione di software.
L'azienda di Pedrengo ritiene di svolgere questa attività in modo fortemente innovativo e di avere le capacità per fornire prodotti qualificati e affidabili. Per la propria attività Automa si avvale anche di due Solution Provider (fornitori di applicazioni di supervisione) con sede a Parma e a Verona.
La società dispone inoltre di una rete commerciale comprendente tre società, con sede a Parma, Brescia e Verona.
Mappa del sito Mappa del sito Inizio pagina Inizio pagina